La Riforma protestante e la Controriforma cattolica

In questo percorso didattico andremo all’origine del cristianesimo protestante che, come forse saprai, è diffuso in molti paesi del centro e del nord Europa.

Ma quando ebbe inizio, da chi e perché?

Fu un monaco tedesco, Martin Lutero, a dare inizio alla riforma protestante, nel 1517.
Martin era indignato per la situazione di grande corruzione in cui si trovava la Chiesa, in particolare a causa della vendita delle indulgenze, grazie alla quale otteneva denaro dai fedeli offrendo in cambio la riduzione delle pene in purgatorio.

Lutero predicava anche un rapporto più diretto dei fedeli con Dio e fu per questo che si impegnò nella traduzione dell Bibbia in tedesco, per renderla leggibile a tutti coloro che non sapevano il latino.

Lutero ebbe molti seguaci, nonstante la scomunica che ricevette dal Papa.
Tra i suoi sostenitori molti principi tedeschi che desideravano avere maggior indipendenza da Roma e smettere di pagare i tributi (decime).

L’imperatore tedesco, Carlo V, fervente cattolico, dovette alla fine concedere ai principi di professare la confessione da loro scelta.

Il protestantesimo si diffuse molto velocemente, grazie alla stampa, e ben presto molti paesi divennero protestanti.

*

Anche la Chiesa inglese (anglicana), sotto il suo re Enrico VIII si staccò da Roma e divenne indipendente (più per ragioni politiche ed economiche che religiose).

La reazione della Chiesa si fece presto sentire: venne indetto un Concilio (assemblea di vescovi) per ribadire i princìpi cattolici e per rendere più severe le punizioni degli eretici, attraverso il Tribunale dell’Inquisizione. Vennero fondati nuovi ordini religiosi (Gesuiti).
Questo processo di rinnovamento è detto Controriforma.

 

Qui puoi scaricare la presentazione sulla Riforma protestante vista in classe che ti aiuterà a studiare.

Qui puoi vedere un video di ripasso.

Qui puoi vedere per intero il film Luther.

Qui puoi scaricare e stampare la mappa concettuale relativa.